02 91663899
Chiamaci per prenotare il tuo tavolo

via Disciplini, 20 – Milano (vedi mappa)

Dicono di Noi

E il ristorante dei giovani si affida agli chef ottuagenari

Rilevato e ristrutturato da sei amici ha riaperto i battenti lo storico locale nel palazzo dei Brizio Sforza. Ai fornelli Umiltà Buonamici, detta «Pia», e Remigio Berton

U no storico ristorante - L’Ulmet, all’angolo tra via Olmetto e via Disciplini - rilevato, ristrutturato e rilanciato da sei amici che per lavoro si occupano di tutt’altro. E una coppia di cuochi ottantenni che fanno da maestri alla start up dei giovani. Parte da un’idea «un po’ matta» il locale che ha (ri)aperto i battenti col nome di Olmetto (via Disciplini 20 tel 02.91663899), nel palazzo dei Brivio Sforza dove negli ultimi trent’anni sono passati a mangiare artisti, attori e politici milanesi. Oggi, assoldati dai sei fondatori, ci sono due anziani tanto canuti quanto arzilli, una coppia inossidabile ai fornelli. Da una parte Umiltà Buonamici detta «Pia», con una storia che pare quella del film Ratatouille. Se le domandi come ha imparato a cucinare - lei che col marito Remigio Berton ha conquistato due stelle Michelin e creato ben tredici locali a Milano - risponde: «Mi ha insegnato la fame, solo quella». Era la più piccola di sei fratelli che vivevano senza genitori: «Ho iniziato a tredici anni come lavapiatti in via Cavallotti, poi cameriera. Per caso sono passata in cucina, e lì mi hanno scoperto ... ».

#RistoranteOlmetto

Rassegna Stampa
02 91663899
Chiamaci per prenotare il tuo tavolo